IL KUNG FU

Il termine kung fu rappresenta il nome con cui sono maggiormente note in occidente le arti marziali tradizionali cinesi.
La parola Kung fu è traducibile in Italiano con ‘Abilità’, ‘esercizio eseguito con abilità, divenire abile con l’esercizio’, oppure più semplicemente ‘particolare destrezza’.
Per un cinese ‘kung fu’ può significare semplicemente ‘tempo da impiegare in qualche attività’.
Per questo per gli orientali non è molto naturale associare questo termine all’arte marziale a noi nota ma piuttosto questo serve per definire il livello di abilità nella pratica marziale stessa.
Per kung fu si intende quindi, in senso esteso, la capacità di eseguire un compito o un lavoro grazie all’abilità acquisita nel tempo con un duro addestramento.
Per millenni, e nelle più svariate condizioni storiche e sociali, i cinesi hanno utilizzato il kung Fu per lottare, conquistare e difendersi, non di rado anche a scapito della vita.
Un’arte marziale che sia veramente tale deve fornire i mezzi per vincere in uno scontro, di qualunque tipo esso sia e per millenni gli stessi cinesi hanno cercato il modo più efficace di pervenire a questo risultato.
L’abilità degli antichi praticanti è divenuta giustamente leggendaria e nella maggior parte dei casi, purtroppo, il livello attuale è ben lontano da essa forse perchè sono cambiati anche gli scopi per i quali si pratica.
Ciò non toglie che ancora oggi i vari stili tradizionali di kung fu rappresentino un metodo di combattimento di notevole efficacia.
Efficacia che, tuttavia, si rivela allo studente solo dopo un periodo piuttosto lungo, variabile a seconda delle attitudini individuali, di pratica assidua e completa dedizione.

MAGGIORI INFORMAZIONI LE TROVATE ANCHE ALLA PAGINA FACEBOOK:

scuola Kung Fu Converso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *